Le ricette che vi proporrò sono tutte mie creazioni o rivisitazioni, rigorosamente essenziali, seguendo le stagioni, adatte ad una facile preparazione casalinga...

giovedì 23 gennaio 2014

Pork fillet and Taiwanese Kimchi

After I start to live in Taipei, eating Asian cuisine every day, I try to prepare dishes that mix local ingredients and western cooking method.
I was inspired to make this recipe by the delicious Taiwanese Kimchi that a lovely lady in Taoyuan gift me some days ago.
Taiwanese Kimchi is an interesting way to prepare and preserve raw cabbage: fresh and spicy usually is served as an appetizer or a side dish.

Ingredients for 2:
250gr Whole black pork fillet;
1 cup Raw Thay Jasmine rice;
2 cups Taiwanese Kimchi aged in fridge two or three days;
1 glass Japanese Sake;
salt and pepper.

Method:
Prepare rice in rice cooker. When it's done, take aside and prepare pork fillet.
Heat a tick fry-pan and put in the pork fillet.
Roll on every side until well roasted.
Flame with half Sake.
Continue to cook until Sake is almost evaporated.
Put kimchi salad in the pan around the fillet and let cook on low heat until is warm.
In the center of a large dish, poor rice and sprinkle Kimchi around it and poor pork fillet on top of rice.
Add the remained Sake in the pan where cooked fillet in order to dissolve and collect all of the cooking juice, on medium heat. Allow to thicken and stream on pork fillet.
Serve immediately

mercoledì 1 maggio 2013

lunedì 1 aprile 2013

Brioches alla confettura con lievito madre

La lavorazione è un po' lunga ma il risultato vale il lavoro. Una ricetta con ridotta quantità di zucchero e burro, adatta alla colazione dei bambini. Chi li volesse senza confettura, deve aumentare la quantità di zucchero.

Ingredienti per 12 brioches:
300 gr di farina "0",
100 gr di farina manitoba,
100 gr di tuorlo d'uovo,
80 gr di burro ammobidito,
60 gr di zucchero semolato
3 gr di sale,
210 gr di lievito madre,
220 gr circa di acqua tiepida,
Confettura di albicocche o pesche.
1 tuorlo d'uovo per spennellare.

Inserire in planetaria le farine, lo zucchero, il sale e gli aromi e avviare alla velovità più bassa. Aggiungere lentamente i tuorli poi la pasta madre. A questo punto inserire i primi 50 gr di acqua e poi se è il caso aggiungerne ancora secondo la necessità. Lavorare finchè l'impasto si stacca dalle pareti. Cominciare ad aggiungere in piccole dosi il burro ammorbidito con una frusta o una spatola ma ancora freddo. Quando tutto il burro è stato incorporato lavorare ancora finchè l'imasto si stacca dalle pareti ed è ben incordato. Fare una palla e mettere a lievitare a 22/23 gr per 3 ore circa. Trascorso questo tempo l'impasto sarà morbido e lievitato ma non avrà ancora raddoppiato il volume. Stendere la pasta a cerchio e dello spessore di 3o4 millimetri. Tagliare a metà e poi in quarti e infine in spicchi (12).
Prendere ciascuno spicchio, mettere un cucchiaio di confettura dalla parte della base del triangolo e spennellarela punta con l'uovo, quindi arrotolare su se stesso partendo dalla base. Se si vuole la forma circolare, fare un taglietto alla base, mettere la confettura e tirare verso l'esterno i lembi del taglio e arrotolare. Chiudere ad anello, incollando con un poco di uovo. Disporre in teglia, coprire con pellicola e far lievitare fino a raddoppiare il volume. Spennellare con uovo battuto con un poco di latte Infornare in forno ventilato a 180° per circa 15/18 min. Sfornare, lasciar intiepidire e spolverare con zucchero a velo.

sabato 23 marzo 2013

Bavaresi di bagna cauda

Sono sempre restia a reinterpretare ricette classiche e soprattutto così legate alla tradizione gastronomica, ma questa ricetta è nata per caso, dovendo recuperare una certa quantità di bagna caoda in cui il mio aiuto cuoco aveva esagerato con le acciughe. Come spesso succede è stato un successo tanto da essere diventata una presenza costante nei miei buffet in occasione di feste o cerimonie.

Ingredienti x10
250 gr. peperoni rossi;
250 gr. peperoni gialli;
250 gr. panna fresca;
75gr. acciughe sott’olio;
40 gr.olio extravergine;
6 gr. gelatina in fogli;
2 spicchi aglio;
1 dado per gelatina istantanea;
Per la decorazione fili di erba cipollina o rametti di coriandolo o in mancanza prezzemolo.


Preparazione
Rosolare a fuoco bassissimo le acciughe e l’aglio tagliato a metà senza germoglio nell’olio fino a che saranno completamente disfatte. Portare a 90 °C la panna e unire la colla di pesce ammollata e strizzata, mescolare bene per far sciogliere. Frullare panna e acciughe senz’aglio, quindi filtrare. Colare in bicchierini da fingher food e abbattere la temperatura.
Cuocere i peperoni arrosto in forno, pelarli e tagliarli in julienne molto sottile, quindi condirli con sale, pepe, olio. Disporre i filetti di peperoni sulla panna consolidata e mettere in frigo. Preparare della gelatina secondo le istruzioni della confezione e lasciar raffreddare. Quando ha raggiunto una consistenza oleosa versarla negli stampini e fino a fare un velo sui peperoni.
Far riposare i bicchierini in frigo coperti di pellicola almeno 6 ore, meglio una notte.
Prima di servire decorare a piacere.

In questa ricetta ho usato la gelatina istantanea, ma se avete tempo sarebbe meglio fare la gelatina da un brodo ottenuto da pezzi di carne con molte cartilagini.


lunedì 4 marzo 2013

Spaghetti con crema di porri e merluzzo

Ho creato questo piatto per invogliare mia figlia a mangiare il pesce, lei adora il salmone e tutti i crostacei, ma arriccia il nasino davanti ad una sogliola o un branzino!! Quindi ho pensato di "inserire" il pesce nel condimento per gli spaghetti. Alla fine il piatto è risultato delicato e adatto anche a chi il pesce lo adora.

Ingredienti per 4 persone:
300 gr. di spaghetti,
4 filetti di merluzzo,
1 porro,
1 piccola patata,
700 ml di latte,
1 cucchiaino di erbe di Provenza,
1/2 cucchiaio di zenzero in polvere,
1 spicchio di aglio,
2 cucchiai di olio extra v. oliva
sale e pepe q.b.


Affettare finemente il porro e metterlo a rosolare con 2 cucchiai di olio in un tegame antiaderente abbastanza capiente da poter mantecare la pasta. Sbucciare la patata e tagliarla a cubettini di 1/2 cm al massimo, aggiungerla al porro e far insaporire. In un pentolino mettere a scaldare il latte. Aggiungere una parte del latte ai porri e patate fino a coprire, mettere il coperchio  e lasciare stufare lentamente e aggiungere altro latte a cucchiaiate quando comincia ad asciugare. In un altro tegame far bollire 150 ml di latte con lo zenzero e le erbe di Provenza, mettere i filetti di merluzzo, chiudere con il coperchio e spegnere il fuoco. Lasciar riposare e intanto portare a cottura porri e patate, aggiungendo tutto il latte rimanente e aggiustando di sale e pepe. Quando le patate saranno morbide schiacciarle con un cucchiaio di legno e spegnere il fuoco.
Intanto cuocere gli spaghetti.
Quando gli spaghetti sono quasi pronti, riaccendere il fuoco ai porri e incorporarvi il merluzzo spezzettato con tutto il suo latte di cottura, aggiustare di sale e far riprendere il bollore. Scolare gli spaghetti e versarli sulla crema di porri, mescolare velocemente e disporre nei piatti. Spolverare con pepe nero appena macinato.
Accompagnare con un Piemonte Chardonnay.

domenica 6 gennaio 2013

Panettone dessert

Un modo diverso di servire il panettone a fine pasto o per un brunch delle feste!! In realtà nasce dall'utilizzo di "avanzi" disponibili nel frigo durante il periodo natalizio. Io l'ho preparato per il fine brunch/pranzo di capodanno.

Ingredienti per 2 persone:
1 panettone da 100 gr.
50 gr di cioccolato fondente extra
70 ml di panna fresca
1 vasetto di crème fraîche
1 manciata di uvetta sultanina
4 prugne denocciolate disidratate
Moscato, spumante o altro vino avanzato dal brindisi di capodanno!

Il panettone l'ho fatto con il lievito madre seguendo una delle ricette  che trovate sul blog Dolcinema, usando pirottini piccoli.
Mettere uvetta e prugne in una scodella e coprirle con un bicchiere di spumante e lasciarle ammorbidire fino alla consistenza preferita, quindi scolarle e metterle da parte.
Per la salsa al cioccolato fondente: far bollire la panna e aggiungere il cioccolato spezzettato, lasciar sciogliere quindi mescolare fino ad amalgamare i due ingredienti, lasciar riposare.
Se non trovate la crème fraîche, potete prepararla mescolando 100gr. di panna fresca con 100 gr. di yogurt greco e 1 cucchiaio di succo di limone filtrato e lasciando riposare il tutto per un'ora in frigo.
Versare la salsa al cioccolato a specchio sul piatto, disporre 1/2 panettone tagliato a metà (o 1 fetta tagliata in 2 parti se usate un panettone grande), distribuire l'uvetta e le prugne. Con 2 cucchiai da tè fare delle chenelle con la crème fraîche e posarle su ogni prugna. Servire a parte la rimanente crème fraîche in piccole salsiere individuali.